ANCORA IN PIEDI DI FRONTE A CHI UCCIDE LA FAMIGLIA (a cura delle “Sentinelle in piedi”)

882
imagesDa cosa si misura la giustizia e la verità di un’azione? Forse dal consenso che crea? Chi misura l’efficacia di un’azione da questo è già schiavo del potere.
Provate a pensare se da domani vi dicessero che l’omicidio è legale. Cosa fareste per cercare di cambiare menti e cuori? Stareste in silenzio in attesa di tempi migliori provando a difendervi senza offendere troppo chi vuole uccidere mentre altri muoiono? Perché non c’è molta differenza nel lasciare che la società si suicidi distruggendo la famiglia e generando disperazione: l’unica differenza è che il potere ci ha assuefatti, abituati a pensare che in fondo non c’è nulla di troppo dannoso nelle unioni basate sull’istinto. Questo pensiero è indotto facilmente anche grazie a una mentalità individualista che ci fa credere che una tale scelta non abbia conseguenze terribili per noi è per tutta la società.
 
Abbiamo bisogno di vegliare per combattere il potere che è entrato in noi abituandoci ai rapporti vissuti come possesso, strumentali alle nostre voglie, slegati dal progetto naturale per cui sono creati, e quindi violenti. E abbiamo bisogno di vegliare perché la nostra coscienza, ultimo baluardo contro la menzogna del potere, sia vigile. Per questo lo facciamo insieme, per non soccombere soli al male travestito da buoni sentimenti e affermare davanti a mondo la verità. Verità che l’urlo del silenzio sa sprigionare in noi, ricordando all’uomo questa dipendenza dalla realtà che forse non vuole sentire, a cui si vuole ribellare, ma di cui ha bisogno e che non può negare senza autodistruggere sé e chi a intorno.
 
Noi non ci perdoneremmo di stare a guardare mentre l’ultimo legame con l’altro viene reciso, mentre ai bambini viene negato il legame con il padre o la madre. E tu? Da che parte stai? Da quella di chi approva, di chi omette o di chi agisce? Non è più sufficiente dissentire fra le mura di casa, perchè non c’è verità che persuada e cambi davvero finchè non sia espressa e testimoniata davanti a tutti.
Per questo di fronte al testo sulle unioni civili, approvato dalla commissione Giustizia del Senato, che apre la strada alle cosiddette nozze tra persone dello stesso sesso, e di conseguenza all’adozione, torniamo a vegliare.

 
La società, la famiglia e l’essenza stessa di ogni essere umano sono troppo preziose per stare a guardare!

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui