I CRISTIANI CHIEDONO AIUTO

183

Asia Bibi, la madre di famiglia cristiana pakistana condannata a morte nel suo paese per il cosiddetto crimine di blasfemia, è libera e ha raggiunto i suoi familiari nel Canada.

Questa è una grande vittoria innanzitutto per Asia Bibi e la sua famiglia, lei che ha patito quasi 10 anni di carcere, assolutamente innocente, dove ha conosciuto la malattia e l’umiliazione!

Ma la vittoria di Asia Bibi porta anche una grande lezione a tutti noi: è stato soltanto grazie al lavoro e alla pressione delle tante realtà che si sono battute per lei che oggi è libera.

Anche noi, dell’Osservatorio, abbiamo messo del nostro in questa vittoria, tramite le nostre petizioni agli eletti presso il Parlamento Europeo, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri in Italia, presso le autorità del Pakistan.

Ma sicuramente il momento non è di festeggiamento, perché i cristiani continuano a subire la persecuzione, l’umiliazione e l’oppressione. Ma soprattutto, continuano a patire la mancanza di libertà religiosa nel praticare la propria fede.

Ecco qualche titolo di alcuni organi di stampa, quasi tutti esteri, delle ultime settimane:

* In Cina, nella città di Lanzhou, un altro sacerdote portato via con la forza. I sacerdoti sotterranei non si sentono al sicuro, possono scomparire in ogni momento.

* In India, per il sospetto di aver macellato un bue, considerato sacro dall’induismo, un cristiano è stato ucciso con spade, falci e bastoni di ferro da una folla di radicali indù “protettori delle vacche”.

* Sempre in India, una chiesa in costruzione è stata demolita dai bulldozer nello Stato di Uttar Pradesh

* A Laos, tre cristiani americani sono stati arrestati dalla polizia mentre visitavano villaggi a nord di Muang Sing, nella provincia di Luang Namtha.

* In Nigeria, 112 ragazze di Chibok sono scomparse. Ma è solo la punta dell’iceberg.

* In Indonesia, croci dissacrate in un cimitero cristiano a Yogyakarta.

* Nel Ciad, crescono la violenza e la persecuzione contro I cristiani.

Per tutto questo, il prossimo 24 maggio, festa di “Maria Aiuto dei Cristiani”, oppure semplicemente “Maria Ausiliatrice”, l’Osservatorio sulla Cristianofobia farà celebrare una messa per le intenzioni di preghiera a sostegno dei cristiani perseguitati.

Questa messa sarà celebrata da un sacerdote rumeno che ha vissuto e testimoniato la persecuzione nel suo paese.

L’invocazione “Maria Aiuto dei Cristiani” è del tutto speciale, poiché fu aggiunta da Papa San Pio V dopo la vittoria riportata dalla Lega santa sugli ottomani a Lepanto.