IL PRESIDENTE DELL’AFGHANISTAN: SPERAVAMO NELLA PACE, MA DAL PAKISTAN SOLO MESSAGGI DI GUERRA

291
ghani_ashraf_xin
Il Presidente Ghani

Osama Bin Laden, come si ricorderà, fu catturato dagli Americani in Pakistan all’interno di una casa ben protetta da un alto muro. Sempre in Pakistan, in un ospedale, è morto per cause naturali – probabilmente una polmonite – il Mullah Omar, indiscusso capo dei Talebani afghani.

Nella città pakistana di Quetta i Talebani, recentemente riuniti a congresso, hanno eletto il successore di Omar: il Mullah Akhtar Mansour.

E’ allora normale – solo gli Occidentali preferiscono non vedere – che Ashraf Ghani, Presidente dell’Afghanistan, sbotti e punti senza indugio il dito contro il Pakistan, accusandolo di offrire santuari e sostegno logistico ai Talebani: “Gli ultimi giorni ci hanno dimostrato come in Pakistan siano attivi proprio come prima i campi di addestramento per attentatori suicidi e le officine per la produzione di bombe che uccidono il nostro popolo… Noi speravamo nella pace, ma dal Pakistan stiamo ricevendo messaggi di guerra.” (cfr.: Kabul punta il dito contro Islamabad, in: L’Osservatore Romano, mercoledì 12 agosto 2015, , pag. 3).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui