Benvenuto al mio sito

Member Login
Lost your password?

IL PRINCIPE DI CANOSA, PROFETA DELLE DUE SICILIE

6 agosto 2018
By

Tra i personaggi piĂą calunniati del cosiddetto anti-risorgimento c’è sicuramente Antonio Capece Minutolo, Principe di Canosa, (Napoli, 1768-Pesaro, 1838). Fu ambasciatore di Ferdinando IV di Borbone in Spagna, due volte ministro di Polizia, Consigliere del Duca di Modena Francesco IV. Legittimista, contro-rivoluzionario, contrastò le teorie rivoluzionarie con una vigorosa battaglia intellettuale e politica e fu un generoso difensore della legittimitĂ , dei diritti della Chiesa e dei Borbone di Napoli, delle prerogative della nobiltĂ . A lui si addice bene la formula “sempre per il Re, anche se qualche volta nonostante un Re”. Aveva previsto i moti rivoluzionari del 1820, aveva denunciato i pericoli della “politica dell’amalgama” e dell'”oblio” con cui si coprirono le gravi responsabilitĂ  dei giacobini del 1799 e dei murattiani del 1806.

E infatti il Principe di Canosa si opponeva strenuamente alla “politica dell’amalgama”, che pretendeva di lasciare al proprio posto i quadri della burocrazia del Regno e gli ufficiali dell’esercito, che avevano fatto carriera grazie alle simpatie rivoluzionarie (cioè bonapartiste e murattiane).

Ma il principe di Canosa fu ben più che un uomo politico: fu anche e soprattutto un politologo, un ideologo della Tradizione ed un sostenitore del ruolo degli antichi ordini – soprattutto dell’aristocrazia – nel governo dello Stato, contrapponendosi così ai fautori della monarchia assoluta.

(Gianandrea de Antonellis, Il Principe di Canosa profeta delle Due Sicilie, Edizioni “Il Giglio”prima edizione 2018, pagine 120)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 

Sfoglia per Data



CRISTIANITA'