IN TEMPO DI COVID LA CINA GUADAGNA

118
Foto tratta da ilparagone.it (Photo by China Photos/Getty Images)

Scrive Daniele Capezzone sul blog di Nicola Porro (nicolaporro.it): “Per colpa nostra, per responsabilità di un Occidente che ha smarrito la bussola, e con la collaborazione attiva di uno squadrone di utili idioti posizionati strategicamente (tra istituzioni e media, cioè tra ambito decisionale e manipolazione dell’opinione pubblica), la Cina sta stravincendo la guerra e pure il dopoguerra del Coronavirus.

Non solo perché ci ha infettato, colposamente o dolosamente, infliggendo all’economia globale un colpo da guerra mondiale. Ma perché, oltre al virus, ha esportato con facilità altrettanto disarmante la logica autoritaria delle chiusure a oltranza, della compressione della libertà personale e di impresa, dei cittadini ridotti a sudditi chiamati non a scrutinare l’azione dei governi ma a obbedire agli ordini senza fiatare…”.

Non ce n’è davvero bisogno, ma se qualcuno volesse la controprova di quello che scrive Daniele Capezzone, ecco i dati sull’economia cinese che vola, pubblicati oggi dall’ANSA: “La Cina vede a novembre il surplus commerciale volare a 75,42 miliardi di dollari ai livelli più alti di sempre, doppiando i 37,18 miliardi dello stesso mese del 2019 e superando i 53,5 miliardi attesi dagli analisti, con la ripresa della domanda globale malgrado il Covid-19. Il dato, secondo le Dogane, beneficia di un balzo annuo dell’export, in fase espansiva da sei mesi di fila, del 21,1% a fronte del +11,4% di ottobre e del +12% stimato dai mercati.”.

Dunque la Cina sta beneficiando di un export straordinario – ai livelli più alti di sempre – e in continua espansione: mentre il mondo chiude e arranca Pechino guadagna.