LA RIVISTA CRISTIANITA’

156
Una storia iniziata nel 1970 con la legge sul divorzio. Dopo qualche anno, con il referendum sull’aborto, cominciarono a manifestarsi due tendenze che avrebbero diviso il mondo pro-life. La prima rinunciava a priori a intraprendere una battaglia perché avrebbe potuto tradursi in una sconfitta. La seconda rifiutava di combattere perché giudicava immorale sostenere un referendum solo parzialmente abrogativo di una norma intrinsecamente iniqua. Tendenze consolidate poi con l’introduzione della legge n. 40 sulla Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) e con la questione sull’eutanasia dei nostri giorni. Alleanza Cattolica ha sempre sostenuto referendum o leggi, anche imperfetti e non pienamente soddisfacenti, che impedissero il male maggiore in ogni specifica circostanza storica.
Valter Maccantelli offre un’analisi – una delle poche pubblicate in Italia sull’argomento – su Hong Kong partendo dalla storia di questa ex colonia inglese, passata nel 1997 sotto il controllo cinese per un periodo di 50 anni. La Cina, pur dovendo garantire ogni libertà presente al momento del passaggio, ha avuto un controllo totale sulla vita politica, sociale ed economica del Paese. Ecco perché già nel 2014 – Rivoluzione degli Ombrelli – scoppiarono le prime agitazioni causa controlli più stringenti sulla nomina delle autorità politiche locali.
Le manifestazioni cominciate a giugno scorso sono rivolte contro una legge che, se approvata, permetterebbe «l’estradizione» verso la Cina degli accusati di alcuni reati gravi, processati secondo il sistema giudiziario di quello Stato. La liquidità della struttura politica e la mancanza di riferimenti ideali rende i manifestanti deboli sul piano dell’efficacia pratica e fragili su quello della tenuta nella media distanza, sulla quale le autorità sembrano puntare.
Altri articoli su diversi temi – John Henry Newman, Fulton Sheen, il cristero Enrique Gorostieta Velarde – e le consuete rubriche chiudono il fascicolo di Cristianità.