MARIO DRAGHI AL MEETING DI COMUNIONE E LIBERAZIONE (di David Taglieri)

66

Dal palco romagnolo di Comunione e Liberazione, Mario Draghi ha dato prova di essere e comportarsi da Politico, in grado di uscire dal personaggio soltanto tecnico, economico e legato alla finanza, dimostrando allo stesso tempo che economia, finanza e tecnica non rappresentano freddi elementi lontani dalla scienza umanistica e dall’empatia esistenziale.

Interviene infatti un elemento etico, universale, creativo: l’esercizio della forza di volontà che può andare a braccetto con l’allenamento della pazienza, dell’autocontrollo e di quel sensazionale mix fra Interesse Nazionale e capacità di adottare provvedimenti che non accontentano tutti, ma sul lungo periodo almeno, riportano lo Stivale sull’autostrada della ripresa. Cambiando le marce, accelerando con le giuste frenate e lo sguardo di insieme sul percorso da intraprendere.

Le convinzioni del premier partono dalla situazione acquisita dell’Italia in Europa: grazie ad una geopolitica studiata ed approfondita, ad una politica internazionale prudenziale e misurata, ad una giusta coniugazione fra politica interna e internazionale.

L’editoriale di Minzolini del 1° settembre parlava di Equilibrio: anche quelli come noi che fin dall’inizio non sono stati sostenitori di Draghi hanno il dovere di guardare la realtà in faccia, scrutando e analizzando gli sviluppi sostanziali raggiunti. Senza ideologia, senza dietrologie.

Esiste una parola spesso abusata, di fatto inesistente ma che è stata incarnata dalla leadership attuale: competenza.

Fama? Certo, in Europa la rispettabilità e l’autorevolezza di Draghi hanno rappresentato un biglietto da visita importante per ottenere aiuti e sussidi, sostegni e solidità.

Ma la fama e il successo vanno mantenuti e devono giocare la loro partita sul terreno del lungo periodo.

Nel suo canto da solista sul palco di Comunione e Liberazione il premier ha ribadito la legittimità e la necessità di andare a votare per esercitare il senso civico: l’ottimismo della volontà può intercettare l’equilibrio di chi tiene ben ancorati i piedi per terra, tenendo ben ferme fronte e pupille verso la luce oltre il tunnel.

Speranza e Verità incarnano due termini e due brocardi che animano il discorso del capo del Governo.

Vincere convincendo per usare una metafora calcistica: lasciando nel dimenticatoio dietrologie e polemiche, senza titoli di coda che corrono sugli errori del passato, senza negatività che ostacolino il percorso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui