SICUREZZA: I SUCCESSI DEL GOVERNO BERLUSCONI

938

maroni01gNei 14 mesi del governo Berlusconi “…abbiamo conseguito risultati straordinari nella lotta al crimine organizzato”. Lo ha detto a Ferragosto il Ministro dell’Interno, Roberto Maroni, durante la conferenza stampa al Viminale alla quale hanno partecipato il Presidente del Consiglio, S ilvio Berlusconi, e il Ministro della Giustizia, Angelino Alfano. Nel corso del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza, ha spiegato Maroni, si è discusso del varo di un piano quadriennale per la lotta alle mafie. La lotta alla criminalità organizzata, ha aggiunto Maroni, “è una sfida che tutto il Governo vuole vincere e i risultati conseguiti ci danno grande fiducia”. Ed ecco i risultati conseguiti sino ad oggi. Paragonando l’attività svolta in questi 14 mesi di governo Berlusconi con quella dei 14 mesi del precedente esecutivo a guida di Romano Prodi, si evince una generale diminuzione dei reati, nelle seguenti percentuali (fonte: Ministero dell’Interno, riportato su “Il Messaggero”, 17 agosto 2009, pag. 4):

– omicidi: – 3,7%

– tentati omicidi: – 12,1%

– violenze sessuali: – 7,7%

– furti:  – 18,6%

– rapine: – 20,4%

– estorsioni: – 15,1%

– spaccio stupefacenti: – 16,9%

– usura: – 16,1%

Alfredo_Mantovano

(Il sottosegretario agli Interni Alfredo Mantovano)

Anche nella lotta alla criminalità organizzata i successi, se confrontati con l’ultimo periodo del governo di centro-sinistra, sono particolarmente evidenti:

– operazioni di polizia giudiziaria: + 35%

– arresti: + 32%

– latitanti arrestati: + 78%

– beni sequestrati (euro): + 31%

– beni confiscati (euro):  + 179%

Il Ministro Maroni ha evidenziato che, complessivamente, la delittuosità è calata del 14%.

«Ho grande fiducia nell’ azione che stiamo facendo. Una sfida, quella alla criminalità organizzata , che tutto il governo intende sostenere nella certezza che riusciremo a vincerla» ha proseguito Maroni. «Ci siamo concentrati nell’ azione di contrasto alle mafie – ha continuato Maroni – con risultati di successo. Credo che «senza retorica, quella vissuta negli ultimi 14 mesi sia stata la migliore stagione antimafia».

Sono le misure legislative adottate dal Governo – ha continuato il ministro dell’Interno – che hanno portato a «risultati clamorosi e senza precedenti». Maroni ha quindi citato alcuni dati significativi come l’arresto di 29 latitanti tra i 100 più pericolosi e il sequestro di beni alla mafia per un valore superiore a 4 miliardi e mezzo (+31%), e un miliardo per quelli confiscati (+179%). Anche i dati sui delitti mostrano diminuzioni sostanziali, dalle rapine in banca con un calo del 50% ai furti, con una diminuzione del 18,6%, «ma tutti i dati relativi alla delittuosità sono complessivamente in calo» ha sottolineato il ministro dell’Interno.

Con il Fondo Unico di Giustizia poi, ha ricordato Maroni «abbiamo inventato un nuovo strumento che ci consente di aggredire le somme liquide giacenti in attesa di confisca, con il risultato clamoroso che per la prima volta i soldi tolti alla mafia vengono subito reimpiegati contro di essa». Solo al 31 luglio le somme recuperate ammontano a più di 617 milioni di euro. I risultati positivi su questo fronte giungono dall’adozione del “modello Caserta”: “è un modello che funziona e vogliamo esportarlo in alte aree a forte intensità mafiosa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui