UCRAINA: “BUONGIORNO, MI CHIAMO PADRE ALEKSEY…”

55
Buongiorno, mi chiamo padre Aleksey, direttore di Radio Maria Ucraina.
Adesso le ultime notizie di Radio Maria Ucraina. Non ho ancora fatto il video quest’anno perché il tempo è difficile e qui a Radio Maria c’è un virus, anche io sono stato ammalato per un po’ di tempo. Adesso tutto è a posto.

Le ultime notizie: praticamente oggi è il 19 gennaio. Finiamo il tempo di Natale in Ucraina perché oggi è la festa del Battesimo del Signore per le Chiese orientali; praticamente in Ucraina c’è questa specialità: che due volte facciamo tutte le feste, la prima volta il Natale in rito latino, il 7 gennaio secondo il rito orientale, e tutte queste feste di inverno e di Natale…, quindi è il tempo di festa. Nonostante la guerra, nonostante tante notizie brutte che abbiamo in questo tempo, la gente vuole festeggiare Natale, Capodanno, il Battesimo del Signore, la Festa dei Re Magi.

È il tempo molto difficile il tempo di inverno, il tempo di guerra, ma la gioia del Signore, la luce del Signore spero sia stata sentita anche qui a Radio Maria perché abbiamo fatto forse la prima volta dal tempo di guerra. Da quando la guerra è iniziata il 24 febbraio abbiamo cancellato tutti i programmi di divertimento, tutti i concerti, tutte le chiamate della gente, quando la gente avrebbe potuto chiamare per cantare, per festeggiare. Praticamente adesso abbiamo deciso per il Natale e per tutte queste feste dobbiamo proprio festeggiare perché questo segno è importante.
 
C’è la guerra, sì, c’è tanta sofferenza; però c’è anche la presenza del Signore.
Noi come cristiani e come ascoltatori di Radio Maria dobbiamo sentire, dobbiamo dare questo segno a tutta la gente. Gesù Cristo è insieme a noi, Gesù Cristo è vicino. Abbiamo cercato di fare il nostro palinsesto un po’ più festivo. Oggi è l’ultimo giorno di tutte queste feste e entriamo nel tempo normale.
 
A proposito della situazione in Ucraina, in questa ultima settimana abbiamo avuto qui a Kiev due grandi bombardamenti.
I russi ci hanno sparato con i missili il 31 dicembre e il 1 gennaio: questo è stato l’augurio di buon Capodanno.
 
Tutta la notte di Capodanno abbiamo sentito tutte queste esplosioni proprio qui sopra di noi. In Ucraina adesso è proibito fare qualche saluto, però i russi ci hanno fatto gli “auguri” in questa notte di Capodanno.
Poi anche abbiamo avuto altre brutte notizie perché praticamente l’ultimo sabato un missile russo ha distrutto un edificio grande di 10/11 piani, tanta gente è morta; quindi anche qui a Radio Maria c’è tanta gente che ci ha chiamato. Abbiamo pregato per questa gente, per questi uccisi. Sono stati uccisi anche dei bambini.
 
Tutto questo si sente a Radio Maria, quindi abbiamo il tempo molto strano. Da un lato c’è la gioia della presenza del Signore, dall’altro c’è la guerra e ci sono tanti uccisi. Vorrei ancora una volta chiedere a tutti gli ascoltatori di Radio Maria di pregare per l’Ucraina. Speriamo che questo anno incominciato qualche settimana fa ci porti la pace.
Preghiamo per questa pace. Grazie.