Benvenuto al mio sito

Member Login
Lost your password?

UN TERZO DEI GIOVANI MUSULMANI FRANCESI FAVOREVOLI ALLE STRAGI ISLAMISTE

25 aprile 2018
By

Riprendiamo dal FOGLIO del 18/04/2018, a pag. 2, con il titolo “Un terzo dei giovani musulmani di Francia a favore delle stragi islamiste” il commento di Giulio Meotti.

E se la sociologia non avesse capito niente? E se, privilegiando l’ipotesi di discriminazione, disagio economico e abbandono sociale di cui sarebbero state vittime gli immigrati francesi, la sociologia avesse trascurato i veri grandi fattori, culturali o religiosi, ben più importanti per spiegare la tendenza di tanti giovani francesi alla violenza e al radicalismo islamico?

E’ l’ipotesi da cui parte La tentation radical dei ricercatori Anne Muxel e Olivier Galland. Il libro è il risultato di un sondaggio condotto su settemila studenti delle scuole superiori. E i risultati sono scioccanti. Un terzo dei giovani intervistati ritiene che sia normale “partecipare a un’azione violenta per difendere le proprie idee”. Quasi un terzo non si è sentito coinvolto dal minuto di silenzio in omaggio alle vittime di Charlie Hebdo. Condotto nell’arco di tre anni in ventitré scuole superiori di Lille, Créteil, Aix-Marseille e Digione, questo studio ambizioso sui giovani tra i 15 e i 17 anni non ci parla del passaggio all’azione di una piccola minoranza che cade nel terrorismo, ma piuttosto di uno stato mentale più generale che governa un pezzo di Francia.

Dopo gli attacchi del novembre 2015 (130 morti), il presidente del Cnrs, Alain Fuchs, aveva lanciato un invito a presentare progetti per i ricercatori al fine di esplorare “tutti gli argomenti che possono essere rilevanti per le questioni poste alle nostre società dagli attacchi e dalle loro conseguenze”. Molti furono riluttanti. Olivier Galland e Anne Muxel proposero un protocollo di indagine basato su un’ipotesi affermata dalle prime pagine, ma fino ad allora poco discussa: “Il radicalismo religioso è presente in tutte le religioni, ma oggi le sue manifestazioni più evidenti sono associate ad un certa concezione dell’islam”.

I due ricercatori intendono violare un tabù. Si recano nelle scuole popolari delle “aree urbane sensibili” (Zus) dove i musulmani sono già oggi la maggioranza.

“Il radicalismo religioso non sembra essere principalmente figlio dell’esclusione socioeconomica e le sue radici specificamente religiose sembrano forti” concludono gli autori.

Il “movimento di secolarizzazione” che ha conquistato le società europee, in particolare la Francia, ha fallito fra i giovani musulmani. E sono subito piovute accuse, pesanti.

“I risultati di Olivier Galland tornano a dire che qualcosa di intrinseco all’islam porterebbe al radicalismo, persino alla violenza”, ha commentato il demografo dell’Ined, Patrick Simon.

Il 32 per cento dei musulmani è “assolutista” nella religione, rispetto al sei per cento dei cristiani.

Il 20 per cento dei musulmani dichiara “accettabile in alcuni casi nella società di oggi combattere con le armi in pugno per la propria religione”. Un quarto degli studenti interpellati non condanna gli attacchi contro Charlie Hebdo e il Bataclan, mentre l’80 per cento ritiene che non si deve fare satira sulle religioni.

Il campione scelto non è deliberatamente rappresentativo: i questionari sono stati inviati a chi vive dove ci sono state rivolte, scontri con la polizia, caos sociale, ovvero i quartieri settentrionali di Marsiglia, la regione di Lille, la città di Créteil nei sobborghi parigini … Il cocktail più esplosivo è formato da studenti delle scuole superiori tolleranti nei confronti della violenza e radicali nella propria visione religiosa: tra questi, il 70 per cento non condanna gli attacchi a Charlie Hebdo e all’Hyper Cacher. Estratti del sondaggio pubblicato dal Monde riportano testimonianze di chi crede che i giornalisti di Charlie “se la sono cercata”.

Il mese scorso, un sondaggio della St. Mary University di Londra aveva mostrato come i giovani europei stessero marciando spediti verso una “società post-cristiana”. I cattolici praticanti sono il due per cento in Belgio, il tre in Ungheria e Austria, il cinque in Lituania e il sei in Germania. Molti giovani “dopo il battesimo non hanno più varcato la porta di un edificio di culto”. I musulmani francesi hanno preso la strada opposta. Osserva Olivier Galland: “I musulmani tornano con forza alla pratica religiosa, in contrasto con il movimento di forte secolarizzazione di altri giovani”.

E’ quello che i nostri sociologi finora non hanno voluto vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


 

Sfoglia per Data



CRISTIANITA'