LA CORTE EUROPEA CONTRO IL CRISTIANESIMO (di Erio Congedo)

691

Puglia. Il Consigliere Regionale e Vice-Coordinatore Provinciale del PDL Saverio Congedo ha diffuso la seguente nota sulla decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo:

“Lo aveva già dato ad intendere qualche tempo fa con la storia delle radici cristiane nella Costituzione che l’Unione Europea non andava d’accordo con il Cristianesimo, ma adesso l’eliminazione del crocefisso assume i toni della dichiarazione di guerra alla sensibilità religiosa di milioni di citta dini, specie italiani.

Se c’è un inizio c’è anche un punto d’arrivo, e probabilmente il percorso avviato intende giungere all’affermazione del relativismo cosmico sul piano religioso e culturale, ovvero alla cancellazione dell’Identità del nostro popolo. Un fatto ampiamente previsto da Papa Benedetto che avendo invocato la citazione del patrimonio cristiano come basamento per l’impalcatura dell’edificando progetto europeo, mostrava tutta la preoccupazione che oggi si trasforma in realtà di fatto.

Come potrà riconoscersi l’Europa dei popoli in questo percorso di “perversione” culturale? Quali elementi forniranno il codice identitario  dell’Europa Unita se non la comune matrice cristiana ?

Non certamente la lingua, la politica o la geografia, ecco perché siamo convinti che il crocefisso dovrà restare “fisso” sui muri della nostra Italia.”

Bari, 4 novembre 2009

Saverio Congedo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui