VIENNA: LA CRIPTA DEI CAPPUCCINI

63

C’è un posto a Vienna che riassume secoli di storia europea, legata alla famiglia imperiale degli Asburgo: è la Cripta dei frati Cappuccini, che conserva i resti mortali di Re, Imperatori e Regine dell’illustre casata.

A tal proposito proponiamo la bella riflessione, tratta dalla prefazione di Karl Habsburg-Lothringen al volume di Gigi Beutler “La cripta imperiale presso i padri Cappuccini di Vienna” (2018): “La Cripta dei Cappuccini, come luogo di sepoltura, è senz’altro unica al mondo. Dai primi anni del Seicento ospita i sarcofaghi degli imperatori di Germania e Austria. I singoli sarcofaghi rispecchiano pertanto gli stili di tutte le epoche dal ‘600 ad oggi.

L’aspetto artistico, culturale e storico è tuttavia soltanto una parte del tutto. La cripta è anche, come tutti i cimiteri, un luogo che invita al raccoglimento; ci ricorda la vanità della potenza e della gloria. Anche la bara più splendida non ci può illudere sulla fugacità della vita terrena.

Questa verità trova conferma nella cerimonia funebre e precisamente quando al cerimoniere, che chiede l’ingresso nella cripta per il defunto imperatore e ne elenca tutti i titoli, viene risposto: non lo conosco. Soltanto quando il cerimoniere chiede l’ingresso per un povero peccatore, la porta si apre per accogliere la bara.

La Cripta dei Cappuccini con tutta la sua magnificenza ci ammonisce che il nostro operato sulla terra verrà giudicato da un Dio onnipotente non in base allo splendore e alla gloria, ma secondo giustizia.”.