BENEDETTO XVI A CIPRO: IL MONDO HA BISOGNO DELLA CROCE

403

5 giugno 2010. ll_papa_a cipro Papa Benedetto XVI, durante la messa celebrata nella parrocchia di Santa Croce a Nicosia, ha esortato le minoranze cristiane e, soprattutto, i religiosi, a non cedere alla tentazione di emigrare dal Medio Oriente. La loro presenza, ha sottolineato, è un segno di “speranza” per la regione. «Nei miei pensieri e nelle mie preghiere mi ricordo in modo speciale – ha detto il papa – dei molti sacerdoti e religiosi del Medio Oriente che stanno sperimentando in questi momenti una particolare chiamata a conformare le proprie vite al mistero della croce del Signore». «Dove i cristiani sono in minoranza, dove soffrono privazioni a causa delle tensioni etniche e religiose, molte famiglie prendono la decisione di andare via, e anche i pastori sono tentati di fare lo stesso. In situazioni come queste, tuttavia, un sacerdote, una comunità religiosa, una parrocchia che rimane salda e continua a dar testimonianza a Cristo, è un segno straordinario – ha aggiunto – di speranza non solo per i cristiani, ma anche per quanti vivono nella regione».«La loro sola presenza – ha concluso – è un’espressione eloquente del Vangelo della pace» e «dell’incrollabile impegno della Chiesa al dialogo».

Ai cattolici di Cipro. Papa Benedetto XVI, incontrando stamani la piccola comunità di cattolici maroniti di Cipro, è tornato ad esortare i cristiani al dialogo, sia tra le loro diverse chiese sia con i “non cristiani”. “Guardando al dialogo interreligioso – ha sottolineato nel suo discorso nella scuola elementare di San Marone – molto ancora occorre fare nel mondo”. “Solo attraverso un paziente lavoro di reciproca fiducia – ha proseguito – può essere superato il peso della storia passata, e le differenze politiche e culturali fra i popoli possono diventare un motivo di operare per una maggiore comprensione”. “Vi esorto – ha concluso – ad aiutare a creare tale vicendevole fiducia fra cristiani e non cristiani, come fondamento per costruire una pace durevole e un’armonia fra i popoli di diverse religioni, regioni politiche e basi culturali”.

Il discorso alle autorità. “Senza un riferimento chiaro ai principi etici della “legge naturale”, il mondo rischia di diventare un “luogo pericoloso”: lo ha detto papa Benedetto XVI, incontrando stamani le autorità civili della Repubblica di Cipro e il corpo diplomatico nei giardini del palazzo presidenziale di Nicosia. “Anche ai giorni nostri – ha ammonito – siamo testimoni di tentativi di promuovere pseudo valori con il pretesto della pace, dello sviluppo e dei diritti umani”. Compito delle autorità pubbliche è quello di “promuovere la verità morale” e di  “fondare la legge positiva sui principi etici della legge naturale”. “Individui, comunità e stati senza la guida di verità morali oggettive, diverrebbero egoisti e senza scrupoli, ed il mondo sarebbe un luogo pericoloso per viverci”, ha avvertito.

Poi l’ampio discorso sul ruolo dei diplomatici e dei politici, arricchito da riferimenti agli antichi filosofi greci, da Platone a Aristotele, ma anche ai grandi filosofi islamici e cristiani. Nella vita di pubblico servizio, ognuno “deve essere impegnato a servire il bene degli altri nella società, a livello locale, nazionale ed internazionale” ha detto il Papa. “Il bene comune – ha sottolineato – viene servito precisamente attraverso l’influenza di persone dotate di una chiara visione morale e di coraggio”.

“La rettitudine morale e il rispetto imparziale degli altri e del loro benessere – ha ripetuto ancora una volta – sono essenziali al bene di qualsiasi società, dato che essi stabiliscono un clima di fiducia nel quale ogni relazione umana, religiosa o economica, sociale e culturale, o civile e politica, acquista forza e sostanza”. Ciò aiuta a prendere “le giuste decisioni” e a “promuovere una genuina riconciliazione” nelle crisi internazionali. “Quando le parti riescono ad innalzarsi dal proprio modo di vedere gli eventi, acquisiscono una visione oggettiva e integrale” ha concluso il Papa.

Ad ascoltarlo, nel prato all’inglese del palazzo presidenziale, alcune decine di rappresentati diplomatici. Sul palco un’orchestra d’ archi giovanile ha preceduto il discorso del Papa.

viaIl mondo ha bisogno della Croce | Chiesa | www.avvenire.it.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui