IL PRESIDENTE (NEOELETTO) LORENZO FONTANA CITA IL BEATO CARLO ACUTIS

98
Foto da "Avvenire"

Nel corso del suo discorso di insediamento quale novello Presidente della Camera dei Deputati, l’On.le Lorenzo Fontana, esponente di spicco della Lega, fra le altre citazioni, ha voluto ricordare il Beato Carlo Acutis, morto a 15 anni per una leucemia fulminante.

Come noto, il Beato Carlo Acutis realizzò, nonostante la sua giovane esistenza, una straordinaria mostra on line sui miracoli eucaristici (tantissimi!) nel mondo.

Riportiamo di seguito uno stralcio del discorso inaugurale dell’On.le Fontana, centrato sul valore delle autonomie: “… La nostra è una Nazione multiforme, che parte dalla geografia più variata fino alle diverse realtà storiche, culturali e territoriali che l’hanno formata e resa il grande Paese che è oggi.

La ricchezza dell’Italia risiede proprio nella sua diversità e il compito delle istituzioni italiane è proprio quello di sublimare tali diversità, di valorizzarle attraverso le autonomie, nelle modalità previste e auspicate nella Costituzione. Il ruolo del Parlamento, sia all’interno delle aule che nella rappresentanza esterna, non deve prescindere dalla valorizzazione delle diversità e non deve cedere all’omologazione. L’omologazione è uno strumento dei totalitarismi, delle imposizioni centrali sulle espressioni della volontà dei cittadini.

Il Beato Carlo Acutis disse “Tutti nascono originali ma molti muoiono come fotocopie“. Era un ragazzo di 15 anni.

L’Italia deve dare forza alla propria peculiare natura, senza omologarsi a realtà estere più monolitiche e a culture che non diversificano. Vedete, la diversità non è rottura, non è indice di superiorità di alcune realtà su altre viste erroneamente come inferiori, ma è espressione di democrazia e di rispetto della storia.

Come ricordato dal Presidente Mattarella recentemente, “il ruolo e lo spazio delle autonomie sono decisive. Il pluralismo delle istituzioni – e aggiungo io, nelle istituzioni – vissuto con spirito di collaborazione, come abbiamo visto nel corso dell’emergenza pandemica, rafforza la democrazia e la società. Dalle risposte che saranno date a questi temi dipenderà la qualità della nostra democrazia…”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui