STOLTENBERG (NATO): ATTENZIONE, SI RAFFORZA L’ALLEANZA RUSSIA-CINA

488

Jens Stoltenberg, Segretario generale della Nato, mercoledì scorso ha pronunciato nella prestigiosa Università Keio di Tokyo un intervento, che riportiamo di seguito:

“E’ bello essere qui all’Università Keio, e confrontarmi con tutti voi. Il Giappone è un importante attore globale. Promuove attivamente la pace. E sostiene l’ordine internazionale basato sulle regole. Questo è ciò che rappresenta anche la Nato. Per quasi 75 anni, la Nato ha garantito la pace nell’area euro-atlantica, permettendo alla democrazia, alla libertà e alla prosperità di prosperare. Ma oggi l’ordine globale che ci ha servito così bene per molti decenni è sotto attacco. 

Mosca e Pechino sono in prima linea in una spinta autoritaria. La guerra della Russia in Ucraina ha distrutto la pace in Europa. La Corea del nord continua a minacciare la sicurezza internazionale con i suoi sconsiderati test missilistici. E altre sfide globali sono in aumento: dal terrorismo al cambiamento climatico, dalle minacce informatiche alla proliferazione nucleare.

Questa è la nostra nuova realtà di sicurezza. Una realtà che accomuna tutti noi che sosteniamo la pace, la libertà e la democrazia. E’ una realtà che dobbiamo affrontare collettivamente. Europa e Nord America insieme nella Nato, lavorando fianco a fianco con i nostri numerosi partner in tutto il mondo. Anche qui, nell’Indo-Pacifico.

Lo scorso giugno ho avuto l’onore di accogliere il primo ministro Kishida al nostro Vertice Nato di Madrid. È stata la prima volta che lui e i leader degli altri partner dell’Indo-Pacifico – Australia, Nuova Zelanda e Corea del sud – hanno partecipato insieme a un vertice Nato. Una testimonianza dei nostri crescenti legami.

Possiamo anche trovarci ad oceani di distanza. Ma la nostra sicurezza è strettamente connessa. E condividiamo gli stessi valori, interessi e preoccupazioni. Questo include il sostegno all’Ucraina.
Quasi un anno fa, il presidente Putin ha lanciato una guerra di aggressione contro l’Ucraina per prendere il controllo del paese e togliere la libertà alle persone. Questa guerra non è solo una crisi europea. È una sfida alla sicurezza e alla stabilità globale. In risposta, la Nato, gli alleati e i nostri partner in tutto il mondo, compreso il Giappone, hanno condannato questa guerra illegale e ingiustificabile.

E abbiamo fornito all’Ucraina un’assistenza senza precedenti. Voglio ringraziare il Giappone per il suo sostanziale sostegno. Ieri ho visitato la base aerea di Iruma e ho visto di persona gli aerei cargo giapponesi che trasportano aiuti salvavita al popolo ucraino.

Il nostro sostegno fa davvero la differenza per gli ucraini. Li aiutiamo non solo a sopravvivere, ma anche a respingere l’invasore russo e a liberare il loro territorio. L’Ucraina ha bisogno del nostro continuo sostegno. Per tutto il tempo necessario.

Perché se Putin vince, il messaggio a Mosca e a Pechino sarà che possono ottenere ciò che vogliono con la forza bruta. Questo renderebbe il mondo intero più pericoloso. E noi più vulnerabili. Mentre sosteniamo l’Ucraina, la priorità principale della Nato è proteggere il nostro miliardo di persone e ogni centimetro di territorio alleato. Per questo abbiamo rafforzato la nostra presenza militare, soprattutto nella parte orientale dell’Alleanza. Abbiamo più truppe in stato di massima allerta. Pronte a muoversi, quando e dove serve. Le difese più forti non servono a provocare un conflitto con la Russia, ma per prevenire un conflitto e preservare la pace.  

Nel frattempo, Pechino osserva da vicino. E impara lezioni che potrebbero influenzare le sue decisioni future. 

Ciò che accade oggi in Europa potrebbe accadere domani in Asia orientale. La Cina non è un avversario della Nato. Ma la sua crescente assertività e le sue politiche coercitive hanno delle conseguenze. Per la vostra sicurezza nell’Indo-Pacifico. E per la nostra nell’area euro-atlantica.  Dobbiamo lavorare insieme per affrontarle.

Pechino sta aumentando in modo sostanziale le sue forze armate, comprese armi nucleari, senza alcuna trasparenza. Sta cercando di affermare il suo controllo sul Mar cinese meridionale e minaccia Taiwan.

Cerca di prendere il controllo di infrastrutture critiche anche nei Paesi della Nato. Reprime i propri cittadini attraverso tecnologie avanzate. E diffonde la disinformazione russa sulla Nato e sulla guerra in Ucraina.  

Mosca e Pechino stanno approfondendo il loro partenariato strategico. I due Paesi si addestrano e operano militarmente insieme. Conducono pattugliamenti navali e aerei congiunti anche nelle vicinanze del Giappone. La loro cooperazione economica è in aumento.

La Cina non ha condannato l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Un anno fa, per la prima volta, la Cina ha appoggiato la richiesta della Russia di chiudere la porta della Nato ai nuovi Stati membri. Ma la porta della Nato resta aperta. Presto due nuovi Paesi – Finlandia e Svezia – si uniranno all’Alleanza. Questo manda un messaggio forte. La violenza e l’intimidazione non funzionano. Questo è un mondo più pericoloso e competitivo. La nostra sicurezza non è regionale, ma globale. È quindi essenziale avere degli amici. E tra i partner della Nato, nessuno è più vicino o più capace del Giappone. E sono lieto che la nostra amicizia di lunga data si rafforzi di giorno in giorno.

In passato, abbiamo lavorato insieme su questioni che vanno dall’antiterrorismo alla lotta alla pirateria. In futuro, faremo di più insieme. Ieri, il primo ministro Kishida e io abbiamo concordato una dichiarazione congiunta. Il documento illustra il nostro piano per intensificare la cooperazione Nato-Giappone in settori quali la difesa informatica, le nuove tecnologie, il contrasto alle minacce ibride e il mantenimento dell’ordine internazionale basato sulle regole. Gli ho anche detto che accolgo con grande favore la nuova storica strategia di sicurezza nazionale del Giappone. E sono lieto che il Giappone stia pianificando di raggiungere il parametro Nato del 2 per cento del pil destinato alla Difesa.

Questo dimostra che il Giappone prende sul serio la sicurezza internazionale. Questo vi rende un partner ancora più potente per la pace. Sono quindi ansioso di approfondire ulteriormente la nostra cooperazione. In un mondo più pericoloso, il Giappone può contare sulla Nato al suo fianco. Per promuovere la pace. Proteggere la nostra sicurezza comune. E preservare un sistema globale basato su norme e valori. Grazie mille.”.