“TENETEVE L’ABORTO, ARIDATECE CASA E LAVORO!”

872

Pubblichiamo di seguito un “pittoresco” ma veritiero  manifesto anti-abortista di Forza Nuova, nel suo tipico stile un pò trilussano un pò sfrontato, sicuramente politicamente scorretto:  “L’Associazione Casa delle Donne, così come Donna di Vita – che poi predicano morte ed infanticidio – se ne facciano una ragione: non c’è più spazio per le loro ipocrisie.

Il popolo ha capito il tradimento delle sinistre italiane e lo ha defenestrato. Prima dai quartieri, ora dal Parlamento, domani da ogni dove.
La lotta contro la 194 sarà la bandiera dei diritti sociali contro i loro fantomatici diritti civili. I romani e gli italiani vogliono casa, lavoro, asili, soldi per la natalità non aborti, gender, rom e immigrati.

I romani e gli italiani sono stanchi della loro cultura della morte, delle loro strampalate idee “illuminate e progressiste” che stanno suicidando il popolo e affamando la nazione.

Comprendiamo che da decenni aborto, immigrazione, rom, accoglienza, hanno rappresentato un grande business sulle spalle degli italiani e che i lor signori dei palazzi e dei salotti si sono arricchiti con i soldi dei contribuenti. Ora la pacchia è finita.

L’Italia ha bisogno di figli e di case dove farli cresce e di ospedali dove farli nascere e di asili e scuole dove istruirli e di lavoro e incintevi per crescerli.
E di un tricolore per lottare, per riconquistare questi diritti che qualcuno ha svenduto sull’altare di Bruxelles.

Per decenni avete fatto credere che gli antiabortisti fossero pochi fanatici o una minoranza integralista. Vi sbagliavate. Avete contro tutta l’Italia.
Un’Italia che sta rialzando la testa e che è pronta a prendervi a pedate nel sedere.
Da Montecucco a Tor Bella Monaca, da La Rustica a Magliana, dai Ponti a San Giovanni, dal Terzo a Primavalle, da Tor Sapienza al Trullo, siamo pronti a marciare contro la 194: tenetevi l’aborto, “aridatece casa e lavoro!”

Italia agli italiani. Sì alla vita, no al genocidio del popolo italiano. Giuliano, Simone e Consuelo liberi.”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui