DECRETO ZAN E LA FINE DELLE LIBERTA’

143
Manifestazione pro-life a Milano

Scuola dell’infanzia, Alessandria 2019. Un drag queen insegna ai bambini la fiaba del bambino Zaff, “principessa con il pisello”.

Vuoi questo per i tuoi figli? Diciamo No al ddl Zan.

Bruce, detto “La Bestia”, 2 metri, 95 kg. Combatte contro le donne perché si “sente donna”. Vuoi che lo sport femminile finisca così? Diciamo No al ddl Zan.

Hai appena letto alcuni dei messaggi scritti sui manifesti di Pro Vita & Famiglia che stanno girando in tutta Italia. Il primo si riferisce ad un evento realmente accaduto, che è stato presentato come una iniziativa “contro la discriminazione omotransfobica”… Eventi come questi si moltiplicherebbero all’infinito con l’approvazione del DDL Zan, il quale – all’art. 7 – prevede eventi nelle scuole, sin dalla scuola dell’infanzia, per celebrare ogni anno transessualità, omosessualità, bisessualità e lesbismo.

Il secondo messaggio si riferisce al fatto che il DDL Zan impone la “identità di genere”, cioè il genere in cui qualcuno si “percepisce”. Un maschio che si sente donna potrebbe partecipare agli sport femminili, usare gli spogliatoi femminili, ecc. 

Dobbiamo fermare questa follia!

Sostieni la campagna contro il ddl liberticida Zan.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui