AGGIORNAMENTI DA RADIO MARIA UCRAINA

2856

Oggi 5 aprile 2022, alle ore 11 di mattina, Padre Aleksey, direttore di Radio Maria Ucraina, è intervenuto in collegamento dai microfoni di Radio Maria portando la sua testimonianza in diretta:   “Buongiorno, sono padre Aleksey direttore di Radio Maria Ucraina, ecco alcune notizie dall’Ucraina e da Radio Maria Ucraina: Radio Maria funziona e proprio ora mi trovo in studio. Tanta gente ascolta e tanta gente prega con noi.

Vorrei però concentrarmi sulla situazione nella quale ci siamo trovati proprio l’altro ieri e ieri, ricevendo delle notizie scioccanti riguardanti le piccole città che si trovano vicino a noi (Kiev): le città di Bucha, Iprin e Gostomel. L’esercito russo è stato scacciato da queste città, e quando gli ucraini sono entrati hanno trovato un genocidio, centinaia di morti, non solo corpi di militari ma persone civili. Hanno trovato tante donne violentate e poi uccise; hanno trovato bambine di dieci anni violentate. Le città distrutte, ed è una cosa terribile. La Madonna a Medjugorje ha detto che siamo nel tempo in cui satana è venuto su questa terra; ed è proprio venuto in queste città. Abbiamo visto il male assoluto, il male senza senso, il male che odia le vite umane tanto da uccidere senza un motivo.

Il nostro governo ci dice che purtroppo in queste città non si è arrivato al massimo livello di cose terribili successe, ma in altre città sono successe cose più gravi. Per esempio vicino alla mia città dalla quale provengo, c’è una città che è stata disintegrata dai russi, c’è stato un massacro. I russi mettono le mine nei cimiteri perché sanno che la gente va nei cimiteri per celebrare il funerale dei morti…e così ci saranno sempre più morti.

Queste sono le cose che non riusciamo ancora a capire come sia possibile che avvengano; come mai succedono queste cose? Come è possibile?! I nostri ascoltatori di Radio Maria ci chiamano e piangono perché non riescono a capire.

La cosa grave è che i russi sono venuti qui per ammazzare, sono venuti con degli elenchi di persone che devono uccidere: artisti, musicisti, sacerdoti, vescovi. Sono venuti qui con dei crematori mobili, per quale motivo? Per nascondere tutto quello che vogliono fare qui. Probabilmente anche noi di Radio Maria, i nostri collaboratori, siamo dentro questi elenchi.

Tornando a quello che ci dice la Madonna, noi abbiamo le armi: la preghiera e il digiuno, quindi preghiamo e digiuniamo. Chiediamo alla Madonna di aiutarci affinché questa guerra finisca. Noi di Radio Maria preghiamo tanto, nonostante sia difficile, e cerchiamo di prepararci per la Pasqua, che quest’anno sarà molto particolare.
Grazie per le vostre preghiere.”.

Per chi volesse approfondire, questa testimonianza – anche audio e video – è riportata sull’homepage di Radio Maria (www.radiomaria.it).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui