PERCHE’ NON CI STIAMO ACCORGENDO DELLA PERSECUZIONE ANTICRISTIANA NEL MONDO? (di Marco Invernizzi)

904

indexForse, la frase più efficace per spiegare il titolo di queste breve considerazioni è stata pronunciata dal rabbino capo della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Di Segni: “Si rimane perplessi dalla timidezza delle reazioni cristiane davanti all’entità degli orrori“. Avremmo voluto scendere in piazza per manifestare solidarietà con i cristiani uccisi e perseguitati – continua il rabbino capo – così come molti hanno fatto con noi ebrei quando siamo stati colpiti, ma “trovare qualcuno a cui esprimere solidarietà, per non parlare di una sponda organizzativa, è stata un’ardua impresa” (Il Foglio, 21 novembre 2015).

Paradossale. Pazzesco sarebbe meglio dire. Che il capo di una comunità non cristiana rimproveri i cristiani di non fare memoria del tentativo in corso di farli scomparire da una parte del mondo e della persecuzione che subiscono negli altri continenti, è veramente e solamente pazzesco.

Perché di questo si tratta. Se continuasse l’attuale tendenza, fra cinque anni in Iraq non ci saranno più cristiani, diventati meno di trecentomila quando nel 2002 erano un milione. E in tutto il Medio Oriente la tendenza è questa con la sola eccezione di Israele, dove peraltro la comunità cristiana non si sente tranquilla.

Ma se il Medio Oriente va verso la scomparsa della presenza cristiana, negli altri continenti la persecuzione è in continua ascesa, come dimostra l’inascoltato rapporto sulla persecuzione anticristiana dell’Aiuto alla Chiesa che soffre. In Africa, in particolare in Nigeria e in Eritrea, la setta islamista di Boko Haram nel primo e il governo nel secondo Paese, mirano ad annientare la presenza cristiana. Ma non solo gli islamici, anche i nazionalisti dell’India, i comunisti della Corea del Nord e della Cina, fanno della religione cristiana la più perseguitata nel mondo. Tanto che il “Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo” che l’Aiuto alla Chiesa che soffre prepara dal 1999 è stato affiancato da una Appendice specificamente dedicata alla persecuzione dei soli cristiani e che significativamente si chiama “Perseguitati e dimenticati”.

Se sappiamo chi li perseguita facciamo fatica a capire perché noi li dimentichiamo. Papa Francesco ne parla spesso, come del resto il suo predecessore. Noi cattolici occidentali preferiamo occuparci d’altro, anche di cose molto importanti, ma il tema della persecuzione non entra facilmente nei nostri ambienti, non riempie sale e piazze, non scalda i cuori.

E questo non avviene soltanto presso gli ambienti che non si interessano di nulla oltre i loro angusti interessi locali, ma neppure presso ambienti molto attenti alla scristianizzazione, alla difesa della vita e della famiglia, alla promozione della fede in senso lato.

Perché questo?

Onestamente non so rispondere. Ma credo comunque che vada superata questa forma di pigrizia spirituale e culturale, per cui i nostri fratelli nella fede che vengono uccisi e perseguitati non sono adeguatamente ricordati e difesi nelle nostre chiese e comunità.

Credo che anzitutto vada predisposta un’opera di informazione che manca. La Chiesa del silenzio era aiutata anche in periodi difficili, come quando si cercò di trattare coi regimi comunisti praticando l’ostpolitik per cercare di favorire la nomina dei vescovi nelle diocesi scoperte, e allora la Chiesa perseguitata era sostenuta perché era conosciuto il suo dramma, erano famosi i suoi martiri e i protagonisti della resistenza. Oggi noi colpevolmente sappiamo poco o niente dei cattolici caldei, siriaci, maroniti, melchiti e delle Chiese ortodosse che patiscono con loro la persecuzione. Qualcosa in più è stato fatto nei confronti dei cristiani del Pakistan perché abbiamo avuto il martirio di un ministro, Shabbaz Bhatti, e la testimonianza eroica di una madre di famiglia in prigione da anni, Asia Bibi.

Bisogna fare una grande opera di informazione.

Poi dobbiamo fare conoscere i termini e i numeri della persecuzione. Il “Rapporto sulla libertà religiosa” dell’Aiuto alla Chiesa che soffre, con l’appendice sulla persecuzione anticristiana, va presentato e fatto conoscere cosi come l’opera meritoria di agenzie di informazione, come Asia news e altre. E bisogna che i pochi che fino ad adesso hanno faticato per attirare l’attenzione non si scoraggino e continuino a operare. E, potendo, tutti dobbiamo sentire il dovere di aiutarli, facendone conoscere le storie di persecuzione e aiutandoli economicamente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui