PERSECUZIONE DEI CRISTIANI IN NIGERIA: SEMPRE PEGGIO

211

L’ultimo attentato, di domenica 4 giugno, alla messa di Pentecoste, ha fatto più di 50 vittime, fra cui donne e bambini. Uomini armati hanno fatto irruzione nella Chiesa di San Francesco Saverio a Owo, nello stato dell’Ondo, con armi da fuoco ed esplosivi. Le vittime cristiane seguivano la messa domenicale.

Questo attentato è particolarmente preoccupante perché è successo in una regione piuttosto tranquilla, non controllata dall’organizzazione terroristica jihadista musulmana di Boko Haram.

Questo fa temere in un peggioramento della violenza e della persecuzione ai danni dei cristiani.

Soltanto negli ultimi sei mesi, 48 persone sono state uccise nello stato nord-occidentale di Zamfara; oltre 100 abitanti di un villaggio nello stato di Plateau sono stati massacrati; treni e autobus sono stati colpiti, provocando decine di morti e centinaia di dispersi.

Secondo il Nigeria Security Tracker, circa 3.000 persone sono stati uccisi e altri 1.500 rapiti nel solo primo trimestre del 2022.

A maggio una studentessa, Deborah Samuel Yakubu, è stata brutalmente lapidata e bruciata a morte da altri studenti nello Stato di Sokoto, per una nota vocale di WhatsApp considerata sacrilega verso Maometto.

Secondo altre fonti, lo scorso anno in Nigeria sono stati uccisi circa 4.650 cristiani. E dal 2009, quando l’organizzazione di Boko Haram è insorta per la prima volta nella regione, oltre 45.000 cristiani sono stati assassinati.

La maggior parte di queste uccisioni di cristiani sono state perpetrate sia da Boko Haram che dallo Stato Islamico della provincia dell’Africa occidentale (ISWAP). Ma questi due gruppi jihadisti non sono i soli a dare la caccia alle comunità religiose cristiane.

Negli ultimi anni anche i militanti Fulani, un’etnia nomade musulmana, hanno preso di mira i cristiani nigeriani.

L’attentato del 4 giugno nella Chiesa di San Francesco Saverio a Owo non è stato ancora rivendicato, ma molte fonti indicano che sia stato opera di militanti Fulani.

A dicembre, un gruppo di militanti Fulani ha lanciato un chiaro avvertimento alle chiese dello stato di Zamfara, situato a nord-ovest della Nigeria: “Rischiate attentati se continuate a pregare!”

Il fatto è che un gruppo di Fulani continuano a colpire le chiese, uccidendo decine di cristiani. Tra il 2017 e il 2020, i pastori musulmani Fulani hanno lanciato 654 attacchi e ucciso 2.539 nigeriani. 

(Tratto da “Osservatorio sulla cristianofobia“)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui