STRAORDINARIA POESIA DI TRILUSSA. CONTRO L’ABORTO

112

– Macchè! – je disse subbito er dottore –
Qui nun se tratta mica d’anemia!
E’ gravidanza, signorina mia:
soliti incertarelli de l’amore! –

 

Pe’ Mariettina fu na stretta ar core:
– Sò rovinata! Vergine Maria!
Madonna Santa, fate che nun sia!
Nun potrei sopportà ‘sto disonore! –

Ma appena vidde ch’era proprio vero
corse da Nino. – Nun è gnente! – dice –
se leveremo subbito er pensiero.

Ce vò la puncicata. Domattina
te porto da ‘na certa levatrice
che già l’ha fatto a un’antra signorina. –

La sera Mariettina agnede a letto
coll’occhi gonfi e con un gnocco in gola,
e s’anniscose sott’a le lenzola
pe’ piagne zitta, senza da’ sospetto.

Poi pijò sonno e s’insognò un pupetto
che je diceva: “Se te lascio sola,
povera mamma mia, chi te consola
quanno t’invecchierai senza un affetto?”

E, sempre in sogno, je pareva come
se er fijo suo crescesse a l’improviso
e la baciava e la chiamava a nome…

Allora aperse l’occhi adacio adacio
e s’intese una bocca, accanto ar viso,
che la baciava co’ lo stesso bacio.

Era la madre. – Mamma, mamma bella! –
E se la strense ar petto. – Amore santo!
Che t’insognavi che parlavi tanto
e facevi la bocca risarella?

Però ciai l’occhi come avessi pianto…
Dimme? che t’è successo? – E pe’ vedella
più mejo in faccia, aprì la finestrella
e fece l’atto de tornaje accanto.

S’intese un fischio. – Mamma! questo è lui
che sta aspettanno sotto l’arberata…
Dije che vada pe’ li fatti sui.
Anzi faje capì che se l’onore se pò sarvà con una puncicata
preferisco de dajela ner core.