LIBERA CINA. IL CORAGGIO DI CREDERE

114

Sabato 25 e Domenica 26 Maggio, alle ore 10.30, nella sala consiliare del Comune di Lerici (Piazza Bacigalupi 9), con ingresso gratuito, avrà luogo la proiezione del film-documentario: “Free China – Il coraggio di credere”  ed una conferenza dal titolo: “La Nuova Via della Seta e gli investimenti cinesi in Italia. I prodotti e lo sfruttamento del lavoro forzato”. L’evento è organizzato, con il patrocinio del Comune di Lerici, dalla Laogai Research Foundation Italia Onlus e da Againstchina.

Nella mattina di sabato 25 Maggio verrà proiettato il film-documentario “Free China – Il coraggio di credere”, del pluripremiato regista Michael Pearlman, già protagonista in più di 1.500 proiezioni private in tutto il mondo (al Parlamento Europeo, al Congresso USA, al Parlamento Italiano e al Quartier Generale di Google al Cineforum alla Casa del Cinema a Roma), che svela al mondo le diffuse violazioni dei diritti umani che ancora oggi si registrano in Cina e la brutalità di uno Stato autoritario che si accanisce contro qualsiasi credo religioso: tibetani, cristiani, minoranze etniche, oltre cento milioni di praticanti del Falun Gong, migliaia di persone che manifestano il loro dissenso verso il regime e i difensori dei diritti umani e della democrazia.
Nel raccontare le coraggiose storie di Jennifer Zeng e Charles Lee, che sono stati perseguitati dal governo cinese per il loro credo spirituale nell’antica pratica di meditazione del Falun Gong, il film documenta la terrificante condizione in cui milioni di cittadini pacifici vengono imprigionati, torturati e sottoposti a lavoro forzato in Cina e, ancor più grave, il prelievo forzato degli organi da prigionieri di coscienza.
Attraverso una potente narrazione, “Free China-Il coraggio di credere”, evidenzia anche l’importanza di un cambiamento dentro e fuori la Cina, una trasformazione che parte innanzitutto dai cuore delle persone. La Cina può diventare una forza del bene solo se si trasforma in una società libera e aperta, in cui il governo da dittatura si fa responsabile per il suo popolo.